Origami marini animano per un giorno il Museo dei fossili


Curiosità e incanto con l’insegnante giapponese Masae Takanashi

Museo Paleontologico aperto ieri, come ogni domenica, ai visitatori, ma anche alla creatività: mani pazienti, sotto la guida di Masae Takanashi, hanno scoperto l’origami e fatto nascere, dalla piegatura della carta, balenottere, farfalle e pinguini.
Un’ora di laboratorio, nei luminosi spazi della sala didattica, che l’insegnante giapponese ha riservato a grandi e piccini, concordando con il Parco Paleontologico Astigiano la particolare impronta del workshop, finalizzato alla creazione di origami a tema marino. I bambini hanno terminato la lezione con un desiderio: “La prossima volta facciamo i delfini”.
Masae ha promesso di tornare al museo e spiegato che “i delfini hanno bisogno di una piegatura in più della carta, un’altra volta faremo anche i granchi”, soddisfatta per l’impegno dei partecipanti, che si sono portati a casa gli oggetti di carta ottenuti con concentrazione e precisione.
Tra un pesce e un uccello marino che prendevano forma, l’affascinante storia di Masae, che nei profili delle colline dell’Astigiano vede le onde del mare del villaggio di pescatori in cui è nata e cresciuta in Giappone. A 34 anni, dopo aver frequentato un corso di cucina all’Icif di Costigliole, ha deciso che avrebbe preso casa nell’Astigiano, è tornata nel suo paese a imparare l’italiano da autodidatta, poi, dopo una breve parentesi in Toscana, nel 2015 ha messo radici a Costigliole, alternando varie attività professionali (guida turistica, interprete, traduttrice, blogger, insegnante di origami). Quando parla del Museo Paleontologico i suoi occhi si illuminano: “Qui si comprende bene l’evoluzione dei luoghi in cui viviamo, ma anche la storia del cibo e dei vini che beviamo, nati da una terra che conserva tracce dell’antico mare. Un dettaglio che quando s’impara non si dimentica più”.
A fine lezione Masae ringrazia i partecipanti per aver condiviso con lei il divertimento, ma anche l’intimo piacere di creare, e il Parco Paleontologico per averla ospitata. Questo è un luogo che la ispira, tornerà comunque, anche se è presto per dire quando sarà l’ora dei delfini di carta.
Di certo c’è che il Museo dei fossili può contare, da ieri, su una nuova testimonial. 
Nella foto: Masae Takanashi e i suoi allievi ieri in museo

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail